Oggi Google dedica il suo celeberrimo “doodle” (l’immagine in cima alla casella di testo per la ricerca del celebre motore di ricerca) alla Lotería Messicana!

In Messico, infatti, la tombola non si gioca con i numeri ma con 54 carte, ciascuna delle quali rappresenta personaggi, animali, frutta o verdura e diversi oggetti della cultura popolare: “il gallo”, “la luna”, “il ragno”, ma anche “la scala”, “la bottiglia” oppure “il soldato” sono alcune delle carte di questo antico gioco le cui regole però sono molti simili ad un gioco che a Napoli è diventato famossissimo nel corso degli ultimi anni, il Sinco!

Ogni giocatore, infatti, ha a disposizione una cartella con alcuni dei simboli riportati sulle carte, in genere 16 di essi, che il mazziere estrae dal suo mazzo. Come per il Sinco esistono diverse combinazioni per vincere i premi: i quattro angoli, i quattro simboli interni, le righe orizzontali, le righe diagonali, una riga intera di quattro oggetti e tante altre.

Vince il premio finale chi per primo completa l’intero tabellone.

Oggi Google ha voluto ricordare la Lotería Messicana, facendo conoscere questa tradizione a chi non ha mai avuto modo di giocarci e cogliendo l’occasione per unire persone di tutto il mondo: il gioco, infatti, sarà disponibile dal 9 dicembre per due giorni in 30 differenti Paesi e ciascuno potrà decidere di far partire una partita casuale o di giocare con gli amici.

Per giocare è necessario seguire le istruzioni a schermo: quando viene distribuita una carta, basterà cercare la stessa sulla propria scheda e in caso di corrispondenza basta mettere un fagiolo virtuale sulla carta in questione.

Se ci fossero state anche le bucce di mandarino o altri legumi secchi, sarebbe stato come giocare a tombola in una qualsiasi famiglia italiana!

Ad ogni gara la carta che si trova in alto a sinistra dello schermo mostra la combinazione di fagioli da realizzare per vincere ed è diversa ad ogni turno: quando il giocatore riuscirà a riempire la combinazione vincente, dovrà premere il pulsante “Lotería” per vincere.

Divertitevi a scoprire cosa accadrà quando completerete una combinazione!

In Messico è il grido di “¡lotería!” o “¡buenas!” a sancire la vittoria di un giocatore fortunato, concludendo il round.

I personaggi sulle carte di Lotería Mexicana sono stati aggiornati più volte dalla sua invenzione oltre cento anni fa per riflettere le norme sociali del tempo ed una delle versioni più conosciute fu creata dal francese Clemente Jacques nel 1887.

L’edizione “Don Clemente Gallo”, protetta da copyright nel 1913, presenta delle immagini che sono diventate una forma di arte popolare sinonimo di Lotería Mexicana e le immagini iconiche di questo gioco, unita all’esperienza condivisa che promuove tra persone di ogni generazione, sono diventate una fonte di orgoglio e celebrazione per la cultura messicana che gli utenti del famoso motore di ricerca possono riscoprire grazie al doodle di oggi!